Rischio Alto

D.L. S.P.P. SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DEI RISCHI 

(EX R.S.P.P. DATORE DI LAVORO) RISCHIO ALTO

Le tipologie di attività a rischio alto:

costruzioni, industria, alimentare, tessile, legno, manifatturiero, energia, rifiuti, raffinerie, chimica, sanità, servizi residenziali, identificate anche dalle seguenti categorie  ATECO 2007:
– B: 05, 06, 07, 08, 09
– F: 41, 42, 43
– C:  10, 11, 12, 13, 14, 15, 16, 17, 18, 19, 20, 21, 22, 23, 24, 25, 26, 27, 29, 30, 31, 32
– D: 35
– E: 36, 37, 38, 39
– Q: 85, 87
– Aziende artigiane e industriali : fino a 30 addetti
(Escluse le aziende industriali di cui all’art. I del D.P.R. n. 175 del 17 maggio 88 soggette all’obbligo di dichiarazioni o notifica (utilizzo sostanze pericolose) come centrali termoelettriche, impianti e laboratori nucleari, aziende estrattive e altre attività minerarie, aziende per la fabbricazione di esplosivi, strutture di ricovero e cura sia pubbliche che private);
– Aziende agricole e zootecniche: fino a 10 addetti;
– Aziende della pesca: fino a 20 addetti;
– Altre aziende : fino a 200 addetti.
In caso di nuova attività il datore di lavoro che intenda svolgere i compiti del servizio di prevenzione e protezione dei rischi (DLSPP) deve completare il percorso formativo di cui al presente Accordo Stato/Regioni, entro e non oltre 90 giorni dalla data di inizio della propria attività.
Non sono tenuti a frequentare il corso di formazione in questione:
– coloro che dimostrino di aver svolto, alla data dell’11/01/2012, un corso di formazione con contenuti conformi all’articolo 3 del decreto ministeriale 16/01/1997, e gli esonerati dalla frequenza dei corsi ai sensi dell’articolo 95 del decreto legislativo 19/09/1994, n. 626. Per questi soggetti, sussiste comunque l’obbligo di aggiornamento.
– i datori di lavoro in possesso dei requisiti per svolgere i compiti del servizio di Prevenzione e Protezione ai sensi dell’art. 32, commi 2,3, e 5 del decreto legislativo n. 81/2008, che abbiano svolto i corsi secondo quanto previsto dall’accordo sancito il 26/01/2006 in sede di Conferenza Stato/Regioni, pubblicato in Gazzetta ufficiale 14/02/2006, n. 37, e successive modificazioni. Tale esonero è ammesso nel caso di corrispondenza tra il settore ATECO per cui si è svolta la formazione e quello in cui si esplicita l’attività del datore di lavoro.

Datori di Lavoro

D. Lgs. 81 del 2008   aggiornato al D. Lgs. 106/2009 ed è conforme a quanto stabilito nel Provvedimento Conferenza Stato-Regioni del 21/12/2011.

48 ore corsuali

La qualifica conseguita ha una validità di 5 anni.

richiedi informazioni

AGGIORNAMENTO
DL SSP Rischio Alto

L’aggiornamento formativo ha periodicità quinquennale. Dalla lettura dell’accordo Stato/Regioni, risulta che i cinque anni decorrono dalla data di pubblicazione dello stesso in Gazzetta Ufficiale, avvenuta l’11/01/2012.

DLSPP delle seguenti tipologie di attività a rischio alto scritte sopra;

– A coloro che abbiano frequentato i corsi di cui all’articolo 3 del decreto ministeriale 16/01/1997;

– Agli esonerati dalla frequenza dei corsi, ai sensi dell’articolo 95 del decreto legislativo 19/09/1994, n. 626.

D. Lgs. 81 del 2008   aggiornato al D. Lgs. 106/2009 ed è conforme a quanto stabilito nel Provvedimento Conferenza Stato-Regioni del 21/12/2011.

14 ore corsuali

La qualifica conseguita ha una validità di 5 anni.

richiedi informazioni
2019-02-01T10:58:52+01:00